Diritto di Famiglia

Consulenza legale per separazioni e divorzi: discrezione e professionalità a Melegnano, provincia di Milano e Lodi

Specializzato in ambito del diritto di famiglia, lo studio legale Rossetti fornisce servizi competenti di consulenza legale a coppie che hanno deciso di intraprendere la strada della separazione o del divorzio.
Anni di consolidata esperienza nel settore e il costante aggiornamento rispetto alle ultime normative vigenti sono la garanzia di un servizio di assistenza serio e professionale.

Senza necessità di ricorrere al tribunale, lo studio Rossetti affianca i clienti nella varie fasi della negoziazione assistita, garantendo separazioni e divorzi consensuali in 20 giorni.

Negoziazione assistita in 20 giorni, senza andare in tribunale

Nel 2014, il D.L. 12 settembre 2014 n.132, convertito in L. 10 novembre 2014 n.162, ha introdotto in Italia il procedimento della negoziazione assistita, che ha notevolmente ridotto i tempi delle separazioni e dei divorzi (l'iter si completa di regola in 15-20 giorni complessivi) evitando ai coniugi di comparire in udienza innanzi al Presidente del Tribunale per l’omologazione del proprio accordo.
Infatti, secondo quanto stabilito dalla legge, la coppia che consensualmente vuole separarsi o divorziare non dovrà necessariamente rivolgersi al Giudice, ma potrà ricorrere semplicemente agli avvocati, ai quali sono demandati tutti gli adempimenti procedurali e burocratici del caso, sino alla trascrizione dell'accordo nel registro degli atti di matrimonio.
Presso lo studio legale Rossetti si eseguono procedure per separazioni e divorzi consensuali in soli 20  giorni attraverso lo strumento della negoziazione assistita.
Leggi l'articolo per saperne di più oppure contatta lo studio.
donna che si tocca la fede al dito anulare

Separazione e divorzio in tempi rapidi: la negoziazione assistita.
Articolo dell'Avv. Gina Acciardi

Separazione e divorzio in tempi rapidissimi: la Negoziazione Assistita. Il D.L. 12 settembre 2014 n. 132, convertito in L. 10 novembre 2014 n. 162, ha introdotto la c.d. procedura di negoziazione assistita. Si tratta di un accordo col quale le parti, assistite da uno o più avvocati, convengono di cooperare in buona fede e con lealtà per risolvere in via amichevole una controversia. La procedura di negoziazione assistita, laddove non prevista dalla legge come obbligatoria, può essere utilizzata su richiesta delle parti in alternativa alla giurisdizione ordinaria per qualsiasi tipo di controversia purché si verta in materia di diritti disponibili. L’accordo che compone la controversia costituisce titolo esecutivo e pertanto utile anche ai fini dell’iscrizione di ipoteca giudiziale. In materia familiare non vi è l’obbligo di negoziare ma vi è solo una mera facoltà. Occorre però evidenziare che per le soluzioni consensuali di separazione personale, cessazione degli effetti civili del matrimonio e modifica delle condizioni di separazione e divorzio, l’esperimento della procedura di negoziazione assistita ha recentemente registrato un aumentato esponenziale. 
 
Succede che la coppia che consensualmente vuole separarsi o divorziare non dovrà necessariamente rivolgersi al giudice, ma avrà la possibilità di scegliere due nuove opzioni che riducono notevolmente i tempi della procedura: la negoziazione assistita da avvocati (art. 6, D.L. 132/2014) e la conclusione di un accordo presso l’ufficio dello Stato Civile, in presenza di determinate condizioni (art. 12). Il procedimento di negoziazione assistita viene avviato con il conferimento del mandato all’avvocato prescelto, il quale è tenuto ad informare il proprio cliente della possibilità di ricorrere alla negoziazione assistita.
Se questi sceglierà di esperire la negoziazione assistita, l’avvocato formulerà, per iscritto, l’invito a comparire all’altro coniuge, comunicando la volontà del proprio assistito di addivenire ad una risoluzione negoziata della controversia. Una volta confermata la volontà di entrambi i coniugi di avvalersi della nuova procedura, l’avvocato o gli avvocati scelti, al pari del giudice, tenteranno la conciliazione e ne daranno atto nel verbale. A questo punto occorre distinguere due situazioni: - se non vi sono figli minori, figli maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave ovvero economicamente non autosufficienti, l'accordo raggiunto a seguito di convenzione di negoziazione assistita è trasmesso al procuratore della Repubblica presso il tribunale competente il quale, quando non ravvisa irregolarità, rilascia agli avvocati il nullaosta per gli adempimenti successivi; - se vi sono figli minori, figli maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave ovvero economicamente non autosufficienti, l'accordo raggiunto a seguito di convenzione di negoziazione assistita deve essere trasmesso entro il termine di dieci giorni al procuratore della Repubblica presso il tribunale competente, il quale, quando ritiene che l'accordo risponde all'interesse dei figli, lo autorizza. In caso contrario, ossia se l'accordo non risponde all'interesse dei figli, il procuratore della Repubblica lo trasmette, entro cinque giorni, al presidente del tribunale, che fissa, entro i successivi trenta giorni, la comparizione delle parti e provvede senza ritardo. Ottenuto il nulla osta o l’autorizzazione, a seconda dei casi, l’avvocato ha l’obbligo di trasmettere all’ufficiale dello stato civile del comune in cui il matrimonio fu iscritto o trascritto l’accordo autenticato e munito delle certificazioni di cui all’art 5; nell’ipotesi dell’autorizzazione l’accordo deve essere trasmesso entro dieci giorni (art 6 co.3) pena l’applicazione di un’importante sanzione amministrativa pecuniaria nei confronti dell’avvocato tenuto alla consegna della documentazione di cui sopra. Gli ufficiali dello stato civile procederanno così all’annotazione dell’accordo a margine dell’atto di nascita e di matrimonio. Com’è facile intuire, tale procedura permette di accelerare i tempi (l'iter si completa di regola in 15-20 giorni complessivi) e di evitare ai coniugi di comparire in udienza innanzi al Presidente del Tribunale per l’omologazione del propri accordo. La stessa infatti si consuma tra le “quattro mura” dello studio legale, anche in un solo incontro congiunto, demandando agli avvocati tutti gli adempimenti procedurali e burocratici del caso, sino alla trascrizione dell'accordo nel registro degli atti di matrimonio. Tali novità normative hanno aperto uno scenario che solo pochi anni fa era considerato chimerico. Sino a pochi mesi fa, infatti, nei casi di separazione, anche se consensuale, l’unica strada percorribile era presentare un ricorso congiunto al Tribunale che obbligava il Presidente del Tribunale a fissare con decreto il giorno della data di comparizione delle parti per il tentativo di conciliazione. All’udienza di comparizione il Presidente doveva sentire i coniugi, prima separatamente poi congiuntamente, tentando la conciliazione. Se quest’ultima non riusciva il Presidente procedeva alla verbalizzazione della volontà dei coniugi di separarsi riportando le condizioni relative ai coniugi e alla prole. Esaurita la fase presidenziale, il tribunale decideva in merito all’omologazione in camera di consiglio e, ottenuto il parere favorevole del P.M., emetteva il decreto di omologazione dotato di efficacia di titolo esecutivo e annotato in calce all’atto di matrimonio dall’ufficiale di stato civile. Se il giudice reputava le condizioni stabilite dai coniugi non conformi alle norme del codice e agli interessi dei figli indica le modifiche da apportare all’accordo che, se non vengono recepite, potevano comportare il rifiuto dell’omologazione. Tale procedura, tutt’ora esperibile, è lunga e particolarmente complessa. Ad oggi la negoziazione assistita ne costituisce una valida alternativa per tutti i coniugi che intendano separarsi consensualmente, rimettendo la lunga procedura innanzi al Tribunale solo alle separazioni giudiziali. La separazione ed il divorzio sono comprensibilmente delle fasi di vita molto delicate e dolorose. Avere la possibilità di esperire una procedura più breve e più discreta che possa evitare ai coniugi di “sfilare” per le aule del Tribunale è certamente la soluzione più auspicabile. All’uopo, la negoziazione assistita consente di soddisfare quelle esigenze di celerità che certamente una causa non può garantire. Questo perché, insieme alla causa, vengono trascinati – ed esasperati – sentimenti di odio, risentimento, strategie volte alla reciproca distruzione. Il che diventa ancora peggio se, in mezzo, ci sono anche i figli. Alla luce di quanto dedotto, appare chiaro che la via migliore è sempre quella di un percorso volto al superamento della crisi familiare. Di tale avviso è anche il nostro Legislatore il quale, attraverso i recenti interventi normativi, si è proprio posto l‘obiettivo di stimolare le parti al raggiungimento di una soluzione bonaria affidando all’avvocato il ruolo di negoziatore. Il compito degli avvocati sarà pertanto quello di valorizzare le rispettive ragioni e, senza necessariamente ricondurre all’unità, riparare le fratture che la crisi coniugale ha comportato prospettando una soluzione bonaria che possa contemperare i reciproci interessi delle parti.     

Compila il modulo di contatto per informazioni su separazioni e divorzi con negoziazione assistita, siamo a tua disposizione

Share by: